In Formula 1 ormai la stampa 3D in metallo è diffusa.

La stampa 3D in metallo viene utilizzata da diversi team principalmente nei primi prototipi di test nella galleria del vento, per creare e testare molti componenti strutturali sulle auto, come specchi e componenti specifici del telaio e della carrozzeria della vettura stessa. Proprio per questi motivi sono stati sviluppati molti materiali speciali di plastiche rinforzate appositamente per la Formula 1 e altri sport simili. La stampa 3D ha portato molte novità e innovazione tra i diversi team che ne fanno uso. Infatti, consente di realizzare forme che non si potrebbero fare con un’altre tecnologie. Inoltre, cosa da non sottovalutare, da la possibilità di risparmiare tempo ma soprattutto peso progettando forme che non avrebbero funzionato con altre tecnologie.

Un nuovo capitolo di intreccio tra stampa 3D e F1 sta avvenendo tra due colossi come Magneti Marelli e Ferrari. Questa partnership porterà all’utilizzo del metallo stampato in 3D all’interno di una vettura di F1. Una lega in acciaio sarà utilizzata in una struttura a nido d’ape per costruire un pistone che darà alta resistenza e basso peso. Il pistone è parte del disegno di un micro-iniettore per il nuovo cosi denominato”Turbulent Jet” . La progettazione della struttura a nido d’ape per ridurre il peso è una pratica comune nel settore aerospaziale. La realizzazione del prototipo verrà creata utilizzando una tecnologia DMLS (SLM) per permettere di utilizzare il metallo mediante la stampa 3D. La scelta di una parte in acciaio è piuttosto interessante per questo tipo di applicazione. Le parti in titanio e alluminio sarebbe un ottima soluzione per le alte temperature. Appena avremo novità non esiteremo ad aggiornarvi.        

Lascia un commento