Primo layer

Problemi al primo layer? ecco la soluzione definitiva

No Comments

Il primo layer è un problema, per chi si approccia per le prime volte nel mondo della stampa 3D,  molto diffuso.

Vediamo quali sono le principali problematiche legate al primo layer e le relative conseguenze:

  • mancata adesione del primo layer: impossibilità a costruire l’oggetto;
  • utilizzo di materiale di finitua scadente : diametro irregolare dei filamento ( Vedi Filamenti Stampa 3D)
  • parziale adesione del primo layer: se tutto va bene l’oggetto viene costruito deformato;
  • difficoltà a staccare l’oggetto dal piano di stampa: problematica legata al primo layer la cui forte adesione ne impedisce il distacco.

Oltre ai soliti consigli di cercare di ottenere una buona calibrazione del piano, vi propongo la soluzione definitiva ai vostri problemi.

 

 

 

 

 

 

 

 

Sto parlando del Buildtak, azienda di Ideal Jacobs.

BuildTak è un sottile tappetino adesivo che va messo sopra il piano di stampa e secondo quanto dichiarato dall’azienda, rappresenta la superficie ottimale per stampare in 3d in quanto favorisce l’adesione del primo layer e permette una facile rimozione dell’oggetto.

BuildTak non elimina il problema della deformazione dell’oggetto quando si stampa l’ABS ma aiuta l’adesione ed il distaccamento dell’oggetto dal piano di stampa.

 

L’installazione del BuildTak è semplicissima: è sufficiente pulire adeguatamente il piano di stampa e quindi attaccarci sopra  il foglio BuildTak, allo stesso modo con cui si applica la pellicola di protezione per lo schermo del cellulare. Durante il posizionamento dell’adesivo bisogna prestare attenzione alle eventuali bolle d’aria che si potrebbero formare durante il posizionamento. In tal caso devono essere rimosse prima di completare l’applicazione. E’ evidente che l’adesivo deve essere completamente incollato senza dossi e avvallamenti, altrimenti saranno inevatibili problemi durante la stampa. L’azienda consiglia di iniziare l’applicazione da un lato e quindi utilizzare una carta di credito per incollare in modo uniforme l’adesivo.

Ovviamente il BuildTak fa il suo lavoro se il piano di stampa e l’asse Z risultano correttamente calibrato.

L’azienda consiglia di lasciare 0,1 mm di distanza fra l’hotend ed il piano di stampa nel caso in cui si stampa l’ABS e 0,2 mm nel caso del PLA.

Se utilizzato correttamente il BuildTaK ha una durata di circa 30 stampe, se non di piu’.

L’azienda consiglia di utilizzare i seguenti settaggi del piano riscaldato:

  • PLA: non usare piano riscaldato
  • ABS: temperatura piano riscaldato fra 100°C e 110°C
  • Laybrick: non usare piano riscaldato
  • LayWood (or similar): non usare piano riscaldato
  • HIPS: temperatura piano riscaldato fra 100°C – 110°C
  • PET+: non utilizzare piano riscaldato

Per maggiori informazioni contattaci a info@fablessy.com , ti aiuteremo a trovare una soluzione valida per risolvere il problema del primo layer.

 

Chi siamo 

Fablessy è una comprovata 3D Printing Agency. Offriamo soluzioni di prototipazione rapida, Modellazione 3D, Rendering 3D, Scanning 3D e Stampa 3D per aziende e privati.

Richiedi un preventivo gratuito

Ottieni un preventivo GRATUITO dal nostro team di esperti che ti aiuteranno nella prototipazione, progettazione in 3D e stampa della tua idea .

Iscriviti alla nostra Newsletter!

I campi dove presente l'asterisco * sono necessari.

Altre notizie dal blog

vedi tutti i post