E’ veramente per tutti? Scopriamolo insieme

Ormai non bisogna essere necessariamente proprietari di grande aziende per poter comprare e servirsi di una stampante 3D.

Infatti già da qualche anno impazza la mania di diventare dei veri e propri maker, ma è veramente così semplice?

Come funziona una stampante 3D?

La tecnica di funzionamento di una stampante 3D non è molto diversa dal sistema delle tradizionali stampanti a getto d’inchiostro: i modelli più comuni presenti sul mercato sono quelli con tecnologia FDM, ovvero Fused Deposition Modeling. Un filo di materiale plastico viene fuso da un estrusore che porta il filamento ad una temperatura maggiore 200° depositandolo strato per strato su un supporto. Nella stampante 3D ci sono due motori che muovono l’estrusore in altezza permettendo così lo sviluppo della costruzione in altezza.

Cosa si può produrre con la stampante 3D?

Le stampanti 3D in ambito industriale iniziano a essere usate soprattutto per stampare prototipi di futuri prodotti a costi molto bassi rispetto ai metodi tradizionali per realizzarli. In ambito sanitario, da alcuni anni si stanno studiando soluzioni per realizzare protesi e tessuti che possano essere impiantati nei pazienti.
Ma, soprattutto da privati cittadini, vengono richiesti anche i busti da usare come fermacarte o per decorazione: basta che lo scanner registri l’immagine di una persona da ogni angolazione ed ecco il proprio alter ego in plastica e in miniatura. Sono molto ricerati anche bijoux, gadget e veri complementi d’arredo.

Alcuni esempi :

Vasi di varie e forme e dimensioni
Prototipi occhiali
Prototipi di tutori medici
Prototipi di gioielli
Cover per cellulari
Progetti plastici di architettura
Gadget e giochi
Selfie 3D

Come puoi vedere si può fare tutto, o quasi con la stampante 3D ma non è ancora tanto semplice riuscire a realizzare oggetti del genere.

In futuro, però, potrebbero cambiare le cose, ma ci vorrà tempo.

Ci sono stampanti 3D per uso consumer o per le piccole imprese?

Le stampanti 3D per il mercato consumer hanno ormai dei costi accessibili per tutti, infatti costano circa 500 euro fino a tremila euro.

Fino a qualche anno fà questo non era possibile in quanto per ottenere qualcosa di discretamente decente bisogna spendere molti soldi e molte volte l’investimento non era sempre ripagato dalla facilità d’uso.

Oggi bisogna spendere qualcosa in più per avere delle macchine con una tecnologia più avanzata ed una facilità d’uso quotidiano, grazie ai software di slicing proprietari che ci ”accompagnano” in tutte le fasi.

Un esempio lampante è la Zortrax, che è possibile definirla la stampante 3D plug&play del settore e di accesso alla categorie Prosumer .

Ovviamente, per chi non vuole servirsi di una stampante 3D per svariati motivi, la Fablessy non si è dimenticato di loro, in quanto offriamo servizi di prototipazione rapida, modellazione 3D e stampa 3D ( per info vai in qui) per aziende, che sono alla ricerca di servizi di prototipazione rapida dei propri progetti abbattendo cosi significativamente i costi, e per i privati che sono alla ricerca di servizi a basso costo per la realizzazione delle proprie idee.

Inoltre effettuamo anche corsi di stampa 3D e modellazione 3D per privati e aziende che vogliono entrare in questo mondo, tutte le info si trovano qui

Per qualsiasi dubbio non esitare a contattarci.

Lascia un commento